sabato, dicembre 15, 2018
AltroLavoro

Voucher Inps: cosa fare per averlo?

Voucher Inps: come averlo?

Cosa sono i voucher Inps? Cosa fare per averli e come funzionano? Cosa è cambiato dopo la loro abolizione da parte del nuovo governo Conte? Vari i quesiti all’ordine del giorno che vengono spiegati in questo articolo.

Voucher Inps: cosa sono?

I voucher Inps, o nuovi buoni lavoro, sono uno strumento utilizzato dai datori di lavoro per pagare le prestazioni di lavoro occasionale o accessorio ai dipendenti. Naturalmente nel caso in cui non vengono utilizzati contratti di lavoro regolari.

In un primo momento, questi voucher lavoro sono nati per essere utilizzati verso chi non superava l’importo retributivo annuo di 7000 euro. In seguito, dopo alcune verifiche effettuate, è venuto alla luce che tali buoni venivano utilizzati per camuffare il lavoro nero. Da allora sono state introdotte alcune limitazioni. Ha il valore di dieci euro, di cui sette netti vanno in tasca al lavoratore, mentre il resto suddiviso tra Inps e Inail.

Il lavoratore pagato con i voucher non ha diritto a disoccupazione, maternità, assegni famigliari. Tuttavia, i contributi versati vanno in accumulo per il diritto alla pensione.

Come fare per avere un voucher Inps?

Sia il datore di lavoro che il lavoratore occasionale devono iscriversi al servizio per lavoro occasionale attraverso il portale web dell’Inps avvalendosi del pin dispositivo, o chiamando il contact center. Al momento della registrazione viene chiesto di scegliere tra libretto famiglia o contratto occasionale. Il primo viene utilizzato per il pagamento di prestazioni di lavoro domestico come:

  • pulizie
  • giardinaggio
  • assistenza a bambini e anziani
  • insegnamento domestico supplementare
  • manutenzione straordinaria.

Il contratto occasionale invece serve per pagare il lavoratore saltuario con un compenso non inferiore ai 9 euro l’ora.

Inoltre per avere accesso ai voucher Inps è possibile rivolgersi ad intermediari, come enti o patronati, per affidare a loro le pratiche di richiesta. Va ricordato che un lavoratore occasionale pagato con questi buoni lavoro non può ricevere il pagamento per un importo annuo superiore ai 5000 euro tranne rare eccezzioni come i lavoratori agricoli. Inoltre, deve essere impiegato nel lavoro sono occasionalmente o saltuariamente.