martedì, luglio 16, 2019
AltroEconomia

Raccomandata codice 573: cosa è?

Raccomandata codice 573

Ho ricevuto una raccomandata codice 573: di cosa si tratta? Quando il destinatario della lettera non è presente in casa al momento della consegna, il postino lascia nella cassetta della posta un avviso. Nel nostro caso che significato ha questo codice?

Raccomandata codice 573: cosa è?

La Raccomandata codice 573 è una delle raccomandate che si possono ricevere. Da prassi, quando il postino non riesce a consegnare documenti di questo tipo lascia un avviso. All’interno viene comunicato al destinatario di aver tentato la consegna al suddetto recapito. E che la lettera potrà essere ritirata entro trenta giorni presso l’ufficio postale. In questo modo la raccomandata viene messa in giacenza e può rimanervi fino a un mese.

 

Ho ricevuto una raccomandata con codice 573: di cosa si tratta? I codici 670, 671, 689 e 573 sono, senza dubbio, i più temuti, visto che la loro presenza identifica le cartelle di Equitalia.
In particolare, il codice 573 riguarda le raccomandate con le quali l’Agenzia delle Entrate segnala di aver lasciato uno o più atti in Comune. Potrebbe trattarsi, per esempio, di arretrati da pagare. Nel caso in cui, però, l’arretrato sia già stato pagato, dopo aver ritirato la raccomandata 573, è possibile ignorarla, poiché essa non consiste in un sollecito di pagamento, ma solo in un avviso ad andare a ritirare l’atto in Comune.

I codici Raccomandata 617648649 e 669 vengono utilizzati per indicare delle lettere provenienti da una banca o da un’altra azienda. Inoltre, la raccomandata market 665 generalmente contiene una comunicazione per un sinistro e comunque proviene da una compagnia assicurativa. Il 786 prevede atti giudiziari.

Avviso di giancenza

Ci sono elementi dell’avviso di giacenza da cui è possibile ricavare in anticipo qualche informazione utile sull’atto? L’arrivo di una raccomandata il più delle volte non è vissuto con gioia dai destinatari, ma preoccuparsi inutilmente non serve a nulla. Ci sono, infatti, due caratteristiche delle raccomandate che possono divenire punti di riferimento importanti per non fasciarsi la testa prima del dovuto.

La prima è quella del codice presente sul cartoncino, grazie al quale è possibile individuare il tipo di atto che la lettera contiene e, di conseguenza, capire chi possa essere il mittente. Sia chiaro che non è possibile che due o più raccomandate abbiano lo stesso codice, ma le prime tre cifre sono inequivocabilmente indicative della tipologia dell’atto.

Oltre al codice, un altro riferimento importante è quello del colore del cartoncino. Se si tratta di un cartoncino di colore verde, l’avviso di giacenza può contenere atti giudiziari che provengono dal tribunale o sono stati notificati da privati tramite l’ufficiale giudiziario. Il cartoncino verde può, inoltre, preannunciare sanzioni inerenti al codice stradale o provenienti dalla Prefettura. Il cartoncino bianco, invece, può riguardare tutte le altre raccomandate, dalle lettere, alle contestazioni, passando per le richieste di pagamento.