mercoledì, gennaio 16, 2019
BenessereSalute

Celiachia: come si riconosce e quali sono le terapie efficaci

Celiachia

La celiachia è un’infiammazione cronica autoimmune che colpisce la zona dell’intestino tenue. La causa è una forte intolleranza al glutine. Si tratta di una patologia che può distruggere la mucosa dell’intestino tutte le volte che si ingeriscono alimenti contenenti glutine. In italia la celiachia è riconosciuta come malattia sociale, che  tutt’oggi colpisce ancora 500 mila italiani circa.

Quali sono i sintomi più comuni della celiachia?

La celiachia è una malattia causata da predisposizione genetica. Tra i vari sintomi ci sono alcuni campanelli d’allarme che non vanno mai sottovalutati. Prima di tutto se si avverte spesso gonfiore, dolore addominale e diarrea, si deve consultare subito il proprio medico perché potrebbe trattarsi di celiachia. Da non sottovalutare anche la stanchezza perenne, un altro sintomo comune dell’intolleranza cronica al glutine.

Un’improvvisa perdita di peso potrebbe essere causata dalla celiachia, che porta spesso iponutrizione in quanto ostacola l’assorbimento di alcuni nutrienti da parte dell’organismo. Anche l’anemia è un sintomo comune della malattia, che porta ad una diminuzione di emoglobina nel sangue. Questo infatti spiega la stanchezza cronica di chi soffre di celiachia. 

Cosa fare in caso di celiachia e come avviene la diagnosi?

La diagnosi ufficiale della celiachia si effettua attraverso l’analisi del sangue. L’esame istologico analizza lo stato dei villi intestinali. Attualmente non esistono cure in grado di debellare la celiachia. L’unico rimedio efficace per evitare i sintomi è una dieta priva di glutine, che va portata avanti per tutta la vita. Bisogna prestare attenzione alle contaminazioni, quindi evitare di cucinare in pentole che sono state a contatto con i cibi proibiti.

Se si sospetta di essere celiaci, bisogna rivolgersi subito al proprio medico di famiglia. Il paziente celiaco ha diritto ad un contributo del SSN (Servizio Sanitario Nazionale) per l’acquisto di prodotti dietetici senza glutine, fino ad un tetto massimo di spesa.